[Ostia] Pizzettata vegan a sostegno della Biblioteca l’Idea

pizzvegan3web

 

SABATO 2 AGOSTO 2014 dalle ore 19

PIZZATA A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA’ DELLA BIBLIOTECA ANARCHICA L’IDEA

Una fresca serata a base di pizza e dj set elettronico a cura di DJ BLAVATSKY (black sam records) ….inoltre: proiezione della serie Black Mirror, musichette dalla roma de na vorta, distribuzione gratuita di gel antizanzare autoprodotto, birra artigianale, chiacchere condite da socialita’ espansa ed orizzontale; garantito clima ideale a seguito di accordi presi direttamente con il direttore del servizio metereologico planetario, e se… durante la serata si alzano gli occhi al cielo, si potra’ godere di tutta una vasta serie di stelle brillarelle, avvolti da un ponentino malandrino e un friccico de luna… e allora? Che fate passate?

Zksquatt si trova in via Epaminonda 10, tra Ostierdam e CasalPaloccoHills

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Antispecismo, Appuntamenti, Concerti, DiY, Tutti i post | Leave a comment

[Roma] “Viva Bresci!” alla biblioteca l’Idea

bresci2014web

 

BIBLIOTECA L’IDEA

Martedì 29 luglio 2014

VIVA BRESCI!

Il 29 luglio 1900 Gaetano Bresci, con 3 colpi di rivoltella, vendica il sangue degli sfruttati versato nella guerra d’Africa e quello degli insorti trucidati, uccidendo Umberto I di Savoia, il re “buono”, mandante del massacro di Milano, eseguito dal suo fido generale Bava Beccaris con lauta distribuzione di cannonate sulla folla in rivolta per il pane.

 

“…ho ucciso un principio…”

 

Libri – documentazione – proiezioni – musica – dissetamenti – cibo vegan

Allo Spigolo sul crocicchio tra Via Braccio da Montone e Via Fanfulla da Lodi al Pigneto

La biblioteca è aperta ogni martedì e venerdì dalle 17.00 in Via Braccio da Montone 71a

 

 

 

 

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Appuntamenti, Tutti i post | Leave a comment

E’ uscito il n° 0 di Agli Antipodi, pagine contro il potere

riceviamo e diffondiamo:

Scriviamo Agli Antipodi perché ciò che desideriamo è irrimediabilmente distante e contrapposto rispetto alla logica dominante. L’esistenza oggi è una sorta di labirinto in cui la forte spinta alla competizione, al profitto, all’affermazione vuota di un ruolo porta all’insoddisfazione e alla frustrazione. L’immaginazione stessa è manovrata, gestita, negata affinché l’ingranaggio possa girare senza incepparsi. In questo continuo affannarsi a raggiungere un’inclusione nella società ci sentiamo esclusi a priori perché le regole di questo gioco non ci appartengono, dalle fondamenta. L’intenzione di queste pagine è di ragionare, interrogarsi, confrontarsi sulla base di un’altra concezione della vita e dello stare insieme.

L’oppressione non proviene da un’entità astratta o da un unico centro di potere, ma prende vita nelle relazioni. Affinché lo stato di cose si mantenga, i rapporti tra le persone in questa società sono una rete di ricatti, accettazione, collaborazione. In questo meccanismo non tutti hanno le stesse responsabilità. C’è chi, coscientemente, utilizza queste dinamiche per mantenere uno stato di privilegio. Sono gli stessi che cercano di annullare la possibilità di immaginare e realizzare una realtà diversa: l’accettazione, così, sembra l’unico modo per sopravvivere in questo mondo. Noi pensiamo invece che gli individui possano agire, in primo luogo su se stessi e sui propri rapporti, rompendo con questo pretendere-subire potere.
Noi siamo convinti che gli individui vivrebbero e si esprimerebbero al meglio senza capi, senza politicanti, senza autorità imposte. Senza cartellini da timbrare, valutazioni da ottenere, denaro da rincorrere o accumulare. Pensiamo che il modo migliore per gli esseri umani di stare insieme è quello che li vede tutti sullo stesso piano, senza alcuna gerarchia, e che la forma organizzativa migliore con la quale portare avanti le proprie attività sia l’autogestione.
Queste pagine vogliono diffondere e trasmettere queste idee a chiunque non si senta al proprio posto in una civiltà che sfrutta, discrimina, saccheggia e rinchiude chi non è dalla parte “giusta” o chi rifiuta la sua logica di morte e devastazione.

Questi scritti non sono altro che il pensiero e le riflessioni di alcuni individui che hanno deciso di incontrarsi e confrontarsi sulla base di una visione ed una pratica nemiche dell’autorità.
Vorremmo che il nostro contributo servisse a sondare quegli aspetti che più allontanano l’individuo dalla sincera espressione di sé e ad accrescerne il bisogno di libertà, rendendolo sempre più radicale e diffuso.

Per copie, contributi editoriali e risposte scrivere a:

Sede Malatesta
Via Bixio 62
00185 Roma

agliantipodi@canaglie.net


Scarica il n°0 versione web 
Scarica il n°0 versione stampa 

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Antifascismo, Antimilitarismo, Antipsichiatria, Tutti i post | Leave a comment

[Roma] Presenza solidale al processo contro Gianluca e Adriano

Venerdì 18 Luglio 2014 ore 9

Piazzale Clodio, Tribunale di Roma

Presidio Complice e Solidale per Gianluca e Adriano

No alla videoconferenza!

Tutte libere! Tutti liberi!

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Appuntamenti, Comunicati, Galere e CIE, Repressione, Tutti i post | Leave a comment

Bologna – Aggiornamenti sul processo per aver tentato di impedire un TSO in Piazza Verdi

riceviamo e diffondiamo:

Il 15 luglio 2014, alle ore 15.00, si è tenuta l’ultima udienza del processo per i fatti di Piazza Verdi del 2007, nella quale sono sotto processo quattro compagni e una compagna.
Sono state vagliate le richieste di condanna dal pm (simone purgato) che variano dai 6 anni e mezzo ai 7 anni e mezzo.
MASSIMA SOLIDARIETA’ E COMPLICITA’ CON FACO, SIRIO, JUAN, MADDA E FACO!
I veri pazzi stanno fuori!



dal comunicato sul processo:

Massima solidarietà a Madda, Fede, Faco, Sirio e Juan, sotto processo perchè ostacolarono un TSO a Bologna il 13 ottobre 2007.

Alle 4 del mattino, in Piazza Verdi, un’ambulanza — con l’aiuto degli sbirri — tentava di prelevare con la forza una giovane donna per condurla in psichiatria contro la propria volontà. I cinque compagni, assistendo alla scena, intervennero osteggiando gli ambulanzieri nel tentativo di liberare la ragazza. La reazione degli sbirri fu immediata: manganellate e botte, inseguimento e chiamata di rinforzi (6 volanti).

Dopo vani tentativi di fuga, i nostri coraggiosi compagni furono arrestati e incarcerati. Tra le accuse inventante nei loro confronti (a titolo di monito per chi coraggiosamente osa interferire con il potere arbitrario dello Stato) v’è l’imputazione di rapina (per aver rubato , a detto loro, le manette, una pistola e una ricetrasmittente durante la collutazione ) .

Anarchici/e solidali


Dai media di regime:

BOLOGNA – Condanne da 7 anni e mezzo a 6 anni e mezzo per cinque anarchici di Fuoriluogo. Sono le richieste arrivate oggi pomeriggio dal pm Simone Purgato per la notte di scontri con le forze dell’ordine in piazza Verdi, a Bologna, del 13 ottobre 2007. L’accusa, in particolare, ha chiesto sette anni e mezzo per Cristian Facchinetti, considerato il «capopopolo», e Federico Razzoli, sette anni per Maddalena Calore e Antonio Juan Fernandez Sorroche, sei anni e mezzo per Sirio Manfrini. Numerosi i capi d’accusa per i cinque: tra l’altro rapina (di un paio di manette e di una ricetrasmittente a un poliziotto), 
tentata rapina (di una pistola sempre a un poliziotto), istigazione a delinquere, lesioni e minacce. I legali dei cinque poliziotti rimasti feriti negli scontri e costituitisi parti civili hanno, inoltre, chiesto provvisionali da 1.500 a 5.000 euro. (Dire)

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Antipsichiatria, Approfondimenti, Repressione, Tutti i post | Leave a comment

[Roma] Anarcopunk-nic vol.5!

10549082_269745776551804_2197727557669599499_o

Posted in Anarchismo, Appuntamenti, Concerti, DiY, Tutti i post | Leave a comment

Op. Brushwood – Arrestato Michele Fabiani e comunicati

riceviamo e diffondiamo:

Oggi, giovedì 10 luglio 2014, ore 16e30 ,tre agenti in borghese si sono presentati a casa di Michele Fabiani per eseguirne l’arresto. Finisce così come è cominciata l’operazione nota come Brushwood  : con il carcere. Già da Venerdì 27 Giugno era nota a Michele la conferma da parte della Cassazione della sua condanna a 2 anni e tre mesi. La settimana dopo la procura di Perugia, ne ha disposto la cattura richiamandosi all’ articolo 656 del codice di procedura penale a cui è stata correlata una nuova modifica dell’articolo 4 bis O.P., posta ad hoc dallo Stato nel misero tentativo di tagliare la testa alle nuove stagioni di lotta, la quale prevede che in condanne dove figuri tanto l’eversione quanto la violenza sulle cose o sulle persone non vengano previste
misure detentive diverse dalla carcerazione. Michele, per altro, si è rifiutato di chiedere, tramite avvocato, la commutazione della pena in servizi sociali prassi inconciliabile con la sua condizione di detenuto politico e rivoluzionario della quale non crede di dover chiedere scusa/ perdono all’infame potere borghese. I sabotaggi ai cantieri che lo Stato gli imputa, sebbene senza una prova materiale , non sono per noi né una fonte di disonore né di vergogna; ritenendo, infatti, legittimo qualsiasi atto rivolto contro il
sistema del Capitale, contro un sistema che nella sua insensataggine distrugge l’uomo stesso ed il suo habitat: la natura. La giustizia proletaria condanna chi sfrutta, chi si arricchisce sulla pelle dei lavoratori  devastando l’ambiente, rovinandogli la salute, togliendogli i minuti che dovrebbero trascorre con i propri cari invece che a spaccarsi la schiena per mantenere pingue la pancia di pochi. Ogni vostra condanna per noi è un merito. Con Damiano e Fabrizio nel cuore. Rifiutando i giudizi della borghesia e, quindi, travalicando le loro distinzioni fra “colpevole” od “innocente” utili solo a dividere la classe….

LIBERTA’ PER TUTTI I COMPAGNI ANARCHICI
LIBERTA’ PER TUTTI I COMUNISTI
LIBERTA’ PER TUTTI I PRIGIONIERI
LIBERTA’ PER TUTTI I PROLETARI

I suoi compagni/e Comitato politico L’EVASIONE

Per scrivere al compagno:

Michele Fabiani
Casa Circondariale/casa di Reclusione Spoleto
Via Maiano 10 cap 06049 Spoleto (Pg)

riceviamo e diffondiamo:

Udine, martedì 8 luglio 2014
Venerdì 27 giugno 2014 è arrivata la comunicazione del dispositivo della corte di cassazione per la sentenza Brushwood che conferma la condanna a due anni e tre mesi per il compagno anarchico Michele Fabiani, a cui resta da scontare un anno.
Attivo nella lotta, da quella studentesca dall’età di 14 anni a quella anticarceraria, con la militanza e la scrittura, è Mec che i magistrati hanno voluto colpire con questa condanna, che conferma solo la persecuzione perpetrata dallo stato contro Michele per aver affrontato il processo a testa alta, rivendicando sempre di essere anarchico e continuando in più le lotte negli ultimi sette anni di repressione, come prima.
Alla solidarietà verso Michele, che fin da subito non si è fatta attendere, aggiungiamo che a Mec e a ogni compagn* condannat* va tutta la nostra complicità e solidarietà.
Ma, nonostante la condanna, non si tratta di una vittoria per l’apparato repressivo dello stato, dato che con questa sempre infame sentenza viene però confermata la sconfitta sostanziale del teorema, vengono eclissate l’ipotesi associativa e le condanne a 12 e 11 mesi per Dario Polinori e Damiano Corrias (morto lo scorso settembre) e vengono assolti Andrea e Fabrizio (anche lui morto, nel giugno 2010).
Che sia colpevole o meno è un fatto del tutto irrilevante: rivendichiamo e rivendicheremo sempre che il sabotaggio, compiuto o meno da lui, è giusto, dalla Val Susa a ogni territorio, dalla lotta contro il TAV alla guerra a tutto il dominio.
Le condanne e le aule di tribunale non fermeranno certo Michele, che ha infatti fatto sapere che rifiuterà ogni ipotesi di servizio sociale, né chi resiste ogni giorno, ma al contrario, come si legge in un altro comunicato: la vostra condanna per noi è un merito.
Fuoco alle galere e ai tribunali!

Compagn* solidali

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Azione Diretta, Comunicati, Galere e CIE, Repressione, Tutti i post | Leave a comment

No Tav – Tre nuovi arresti tra Milano e Lecce per l’attacco al cantiere del 13 maggio 2013 e comunicati

da radioblackout.org

Verso le 5.30 di questa mattina, la polizia si è presentata in grande stile, incappucciata e con armi alla mano, nelle abitazioni di quattro attivisti no tav. L’operazione ha portato all’arresto di tre persone tra Milano e Lecce e ad almeno una perquisizione, nell’ambito dell’indagine che portò il 9 dicembre scorso all’arresto di 4 attivisti notav, accusati di terrorismo.

A richiedere le misure i due pm con l’elmetto Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, che evidentemente scontenti della decisione della corte di cassazione che ha negato la configurabilità del reato di terrorismo, ora puntano a prendersi la loro personale, quanto ridicola, rivincita, pensando bene di proseguire l’indagine riguardante l’assalto notturno al cantiere della Tav di Chiomonte tra il 13 e il 14 maggio 2013. L’operazione di oggi è significativa di come i due Pm cerchino ora di allargare il raggio di azione, andando a colpire altri compagni e compagne.

Secondo le prime informazioni, i tre arrestati questa mattina sono accusati di fabbricazione e porto d’armi di “armi da guerra e congegni esplosivi”, danneggiamento, incendio e violenza a pubblico ufficiale aggravata. Sono tuttavia da verificare l’esattezza dei capi di imputazione, mentre i tre sono tutt’ora in questura. All’interno dell’operazione di questa mattina, anche una lunga perquisizione a casa di una quarta persona, sempre nel milanese.

Ascolta le dirette con Giuliano – redattore di Radiocane.info e con l’avvocato Eugenio Losco

riceviamo e diffondiamo:

Questa mattina hanno arrestato Lucio, Francesco S. e Graziano, a Milano. 
Un altro compagno, Andrea, è stato perquisito come persona a conoscenza dei fatti.
Tutti e tre sono accusati di aver partecipato a vario titolo all’attacco al cantiere di Chiomonte nella notte del 13-14 maggio, le stesse accuse di Chiara, Mattia, Claudio e Niccolò.
Ancora non abbiamo i capi d’imputazione, dai giornali leggiamo: danneggiamento, incendio, violenza a pubblico ufficiale, dotazione e fabbricazione di ordigni esplosivi o da guerra.
Stando a queste informazioni sembrerebbe che la sentenza della cassazione abbia costretto la procura di Torino a riformulare le accuse tralasciando l’aggravante di terrorismo.

A presto aggiornamenti

i compagni e le compagne di Milano

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Azione Diretta, NOTAV, Repressione, Tutti i post | Leave a comment

[ROMA] SUMMEREXTRAVAGANZA – 15° FESTA RIVOLTANTE al pratone di Torre Maura

PRATO15web

 

Sabato 5 Luglio 2014 dalle 17.00

SUMMEREXTRAVAGANZA IL 15!

15° FESTA RIVOLTANTE Senza permessi né compromessi Autogestione Smanicata !

Concerti con :

Serpe in Seno

Plutonium Baby

Hellbreath

Leviathan

Istigazione a Delinquere

Light The Bob

Prima e Poi coSelezioni Musicali Ristoro vegan pe’ magna e beve assieme Distro anarchica e D.I.Y. ovvero Autoproduzioni Documentazione e aggiornamenti sulla fervida attività repressiva verso chi pratica azione diretta contro il potere e lo sfruttamento della Terra.

SOLIDARIETÀ AGLI ANARCHICI INQUISITI DISTRUGGERE OGNI GABBIA – LIBERTÀ PER TUTTE E TUTTI!

bus 313,556,105 Tranvetto Roma Giardinetti AL PRATO DI VIA DEI RUDERI DI CASA CALDA TORRE MAURA OCCUPATA

 

 

 

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Appuntamenti, Autogestione, Concerti, DiY, Tutti i post | Leave a comment

[Roma] Caca ad arte che conCinema alla Biblioteca L’Idea

Lo spigolo - Una gran depressione

BIBLIOTECA L’IDEA

Caca ad arte che ConCinema

Rassegna settimanale del Martedì ore 21,30 LUGLIO 2014

UNA GRAN DEPRESSIONE Ove e quando per ascessi antropici si fuggiva dalla polvere

1/7 FURORE (The grape of Wrath) John Ford – 1940 – 129’

8/7 L’IMPERATORE DEL NORD Robert Aldrich -1973 – 118’

15/7 PAPERMOON Peter Bogdanovich – 1973 – 103’

22/7 UOMINI E TOPI Gary Sinise, – 1992 – 115’

Libri e periodici – beveraggi – tisane – cena vegan a sottoscrizione Allo Spigolo della Biblioteca Anarchica l’Idea tra Via Braccio da Montone e Via Fanfulla da Lodi al Pigneto La biblioteca è aperta ogni martedì e venerdì dalle 17.00 in Via Braccio da Montone 71a

Posted in Anarchismo, Antiautoritarismo, Appuntamenti, Tutti i post | Leave a comment